Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare e misurare il coinvolgimento con il nostro contenuto. Cliccando su "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie. Per più informazioni sui Cookie, vedere la nsPolitica sui cookieEpolitica sulla riservatezzaQui.
Accettare
Declino
CASA > NOTIZIE/BLOG > BLOG > Storia di caccia: cinghiali nelle colline

Storia di caccia: cinghiali nelle colline

Data di rilascio: 2023-09-22 Visualizzazioni: 1832

Di Mattia Landini

 

Era una sera di giugno, il sole stava tramontando dietro le colline quando decisi di andare a caccia di cinghiali.

 

Circondato dai vigneti del Barolo, mi godevo il silenzio e osservavo i campi intorno a me, aspettando che il re dei boschi emergesse dagli alberi.

 

Quando anche l'ultimo raggio di sole scomparve, un rumore nel bosco oltre il campo attirò la mia attenzione. Ho subito preso il mioCiclope 350Protermocamera e controllai nella direzione in cui il mio orecchio, o istinto, percepiva qualcosa.

 

L'ho visto chiaramente tra gli alberi: il cinghiale che aspettavo! L'ho seguito con il monocolo finché non è uscito dal bosco nel campo davanti a me. Stava calando il buio, a quel punto ho preso in mano il fucile e l'ho identificato nuovamente con il mio Ares 660L.

 

Aspettavo che il cinghiale si avvicinasse abbastanza. Lo vedevo come se fosse ad un passo da me, intento a cercare cibo.

 

Più vicino. Alzò la testa e per un attimo pensai che mi stesse guardando.

 

 

Un colpo.

 

Ho guardato di nuovo attraverso l'ottica. In un attimo l'emozione è stata unica, sapevo di aver realizzato uno scatto perfetto nel modo più etico possibile.

 

Un animale di grandi dimensioni è caduto, un cinghiale maschio del peso stimato di 100 kg, grazie all'azioneCiclope 350Prola termocamera di osservazione e l'ottica montata sul mio fucile, il fantastico Ares 660L ho salvaguardato un'ampia porzione di vigneto, pronto per essere vendemmiato per produrre un ottimo vino Barolo.